Rassegna ViaConvento 2024, Ottavio Olita presenta il suo libro “Il rifugio dell'assassino”

Nell'ambito della Rassegna ViaConvento, presso la Sala dell'Affresco, proseguono gli appuntamenti dedicati alla letteratura sarda. Mercoledì 22 maggio 2024, alle ore 18.00, l’Ex Convento dei Cappuccini ospita la presentazione del romanzo di Ottavio Olita “Il rifugio dell’assassino”. Nell'occasione dialogherà con l'Autore Paolo Lusci.

Data:
16 maggio 2024

Visualizzazioni:
348

Nell'ambito della Rassegna ViaConvento, presso la Sala dell'Affresco, proseguono gli appuntamenti dedicati alla letteratura sarda. Mercoledì 22 maggio 2024, alle ore 18.00, l’Ex Convento dei Cappuccini ospita la presentazione del romanzo di Ottavio Olita “Il rifugio dell’assassino”. Nell'occasione dialogherà con l'Autore Paolo Lusci.

“Il rifugio dell’assassino” (Edizioni Isolapalma, 2023) è l’ultimo romanzo di Ottavio Olita che attinge da una storia vera in cui viene analizzata in modo sapiente una vicenda che costituisce, nelle sue sfaccettature, una rappresentazione della società sarda nel XIX secolo, mostrando un’attualità sconcertante con cui il confronto storico risulta importante e necessario, per quel progresso sociale auspicato e voluto per la nostra regione. I fatti reali sono stati inseriti nella descrizione di luoghi, persone, situazioni, descritti in modo vivido grazie ai contributi dei documenti e della letteratura.

Ottavio Olita è stato Giornalista della Rai dal 1988 a 2013; in precedenza ha lavorato come Capo dei Servizi Culturali nel quotidiano La Nuova Sardegna, dopo aver cominciato la carriera giornalistica nell'agenzia ANSA. Prima di approdare a questa attività professionale ha insegnato Lingua e Letteratura Francese nella Facoltà di Magistero dell'Ateneo di Cagliari. Da cronista di nera e giudiziaria è poi passato alle pagine culturali della Nuova Sardegna. In Rai si è occupato anche di sport ("90' Minuto" e "Stadio Sprint"), di ambiente ("Ambiente Italia"), di cultura ("Tg l'una"), di esteri (inviato a Mosca nel 1991 per il Tg2). Ha concluso con la qualifica di Conduttore e Capo Servizio. Dalla sua fondazione (2002) aderisce all'associazione "Articolo 21 liberi di..." della quale è attualmente portavoce per la Sardegna. Nel 1970, durante l'aggressione fascista alla Facoltà di Lettere e Magistero di Cagliari, ha subito la frattura del braccio sinistro e un forte trauma cranico. Ha curato varie pubblicazioni periodiche come "Altair", "Ideas", "Spettacolo" "Medicina & solidarietà". Prima di approdare alla narrativa ha dato alle stampe vari saggi e ricerche. I più importanti: "Sardegna in fiamme. Prospettiva il deserto", Stef; "Vite devastate. Il caso Manuella", Edes; "San Sperate. All'origine dei murales" AM&D editore.

La presentazione del libro si terrà nella Sala degli Affreschi presso l'Ex Convento dei Cappuccini in via Brigata Sassari. L'ingresso è libero e non è necessaria la prenotazione.

 

Ottavio-Olita

%MCEPASTEBIN%
Ulteriori informazioni

Aggiornamento:
21/05/2024, 19:57

Potrebbero interessarti