A Quartu la campagna 'Il Nostro Impegno', contro l'abbandono in strada delle bottiglie in vetro

Quartu prosegue il suo impegno per la promozione, la tutela e la salvaguardia dell’ambiente, anche  a sostegno della difficile battaglia contro i cambiamenti climatici, tema sostanziale nell’ambito dell’azione amministrativa della Giunta Milia.

Data:
9 luglio 2024

Visualizzazioni:
335

Quartu prosegue il suo impegno per la promozione, la tutela e la salvaguardia dell’ambiente, anche  a sostegno della difficile battaglia contro i cambiamenti climatici, tema sostanziale nell’ambito dell’azione amministrativa della Giunta Milia.

Le Bandiere Blu celebrate nei giorni scorsi non hanno fatto che certificare il lavoro portato avanti negli anni, frutto anche della collaborazione con le associazioni ambientaliste presenti sul territorio. L’ennesima giornata volta alla pulizia del Verde pubblico e alla sensibilizzazione contro l’abbandono dei rifiuti, nel caso specifico con particolare riferimento al vetro, si è svolta negli scorsi giorni al Poetto.

Nell’ambito della campagna ‘Il Nostro Impegno’, Legambiente Sardegna ha affiancato la società Ichnusa, azienda con profonde radici nell’Isola, in un progetto di sensibilizzazione riferito all'abbandono dei rifiuti in vetro e dei tappi di bottiglie, in particolare nei luoghi della ‘movida’. Sette nel complesso le giornate ecologiche promosse, con l’interessamento di sette località della movida sarda: Cagliari, Alghero, Olbia, Oristano, Sassari, Villasimius e infine Quartu.

L'iniziativa si basa sui dati e gli studi di AstraRicerche, dai quali è emerso che due italiani su tre sono preoccupati per la presenza di molte bottiglie in strada e uno su due crede che l’abbandono del vetro sia un fatto diffuso. Lo stesso report evidenzia che a sporcare sono principalmente i giovani, ma anche che una persona su quattro ammette di aver gettato almeno una bottiglia per terra nell’ultimo anno. Dati allarmanti quindi non solo sotto il profilo della consapevolezza ma anche per quanto riguarda la negligenza.

La mattinata di pulizia e sensibilizzazione in città ha visto il coinvolgimento del personale della ditta privata e dei volontari di Legambiente, con avvio già dalle 8 del mattino nella zona della Bussola, per poi proseguire lungo il viale Golfo di Quartu seguendo una doppia direzione: verso il Lido del Carabiniere (direzione Cagliari) e verso il playground destinato alle attività sportive di squadra (direzione Margine Rosso).

Nella tappa cittadina, sono stati raccolti dalla spiaggia del Poetto 2 sacchi di vetro. Nell’occasione si è comunque provveduto a rimuovere anche altri tipi di rifiuti: 2 buste di secco e 3 di plastica hanno completato il ‘bottino’. La collaborazione del Comune ha permesso anche il repentino ritiro dei rifiuti raccolti da parte degli operatori che si occupano dell’igiene urbana in città.

Sono momenti di aggregazione oltre che di responsabilità, sono gesti concreti necessari nell’ottica di una riduzione dell’inquinamento, di uno sviluppo sostenibile che passa innanzitutto dal rispetto per la natura e per il bene comune. Anche una piccola azione come raccogliere una bottiglia abbandonata, così come assicurarsi di smaltire correttamente ogni bottiglia dopo averla consumata, sono importanti per innescare un circolo virtuoso.

Una presa di posizione, un invito a riflettere sull’importanza della responsabilità sociale, un impegno che certo non può risolversi autonomamente ma che è utile anche come fonte di ispirazione per un cambiamento culturale. Il rispetto per la nostra terra e per le nostre comunità parte infatti proprio da noi.

Ulteriori informazioni

Aggiornamento:
09/07/2024, 10:45

Potrebbero interessarti