ViaConvento, focus su '111 luoghi di Cagliari da scoprire' di Daniela Zedda e Sergio Benoni

All’Ex Convento dei Cappuccini nuovo appuntamento con la rassegna ‘ViaConvento 2024 - Conversazioni su libri sardi’. Mercoledì 29 maggio 2024, nella Sala dell’Affresco alle ore 18, è in programma la presentazione dell'opera '111 Luoghi di Cagliari che devi proprio scoprire' di Daniela Zedda e Sergio Benoni. Nell'occasione dialogherà con l'Autore Giovanni Follesa.

Data:
24 maggio 2024

Visualizzazioni:
575

All’Ex Convento dei Cappuccini nuovo appuntamento con la rassegna ‘ViaConvento 2024 - Conversazioni su libri sardi’. Mercoledì 29 maggio 2024, nella Sala dell’Affresco alle ore 18, è in programma la presentazione dell'opera '111 Luoghi di Cagliari che devi proprio scoprire' di Daniela Zedda e Sergio Benoni. Nell'occasione dialogherà con l'Autore Giovanni Follesa.

Il libro (Emons Edizioni, 2022): Cagliari sorprende proprio perché da lei non te la aspetteresti, tanta bellezza, di sapori, di colori e di contrasti. Dal bianco delle pietre brillate dal sole al rosa dei fenicotteri che l'hanno scelta come patria d'elezione, dall'azzurro magnetico delle sue acque al verde intenso dei suoi giardini. La città bianca, la città bastionata, delle torri e dei fantasmi, delle piazze coi tavolini al sole e delle vie strette che si arrampicano fino alla cattedrale, ci viene svelata in questo libro da Daniela Zedda e Sergio Benoni in 111 cartoline che ne immortalano la meraviglia ritrosa, la solitudine poetica e la ricchezza culturale che la rendono a tutti gli effetti una citta dal respiro europeo.

Daniela Zedda: Arrivava agli spettacoli a cavallo di una motocicletta, con un armamentario pesante e possente di obiettivi, treppiedi e luci; era minuta e piccola di statura, ma comunicava forza e decisione, valore professionale insieme a una libertà di sguardo che l’indomani sarebbe apparsa sul giornale. La scomparsa di Daniela Zedda a solo 64 anni lo scorso anno, una fotografa che aveva le muse come amiche, ha lasciato un vuoto incolmabile ma anche un grande esempio di gioia di vivere e amore per il lavoro, fonte di creazione artistica nel fare comunicazione e informazione.

Negli anni Ottanta era difficile vedere una fotoreporter donna, sotto un palco o dietro le quinte, seguire con attenzione i grandi spettacoli che allora si svolgevano in Sardegna, dal jazz alla danza, fino al teatro: Daniela Zedda poco più che ventenne era già un’autorità, per L’Unione Sarda o altri quotidiani nazionali, nelle foto per le pagine culturali e di spettacolo. Un’artista dell’obiettivo al servizio della comunità dei lettori e degli spettatori degli eventi, con le musa come amiche. Sapeva sentire lo spettacolo - mentre scattava centinaia di immagini - e riprodurre la trama interna, la struttura e il tempo di un evento o di un’esecuzione musicale in una foto. Altrettanto intensi e spesso ironici, i ritratti di letterati, artisti, scienziati e personaggi della cultura: indagati con umana simpatia, con immagini tese a porre in relazione empatica il soggetto ritratto e lo spettatore, in una comunità elettiva a doppio scambio e polarità. Celebri – corrono senza sosta sul web – i molti ritratti di Maria Lai, giocosi come soltanto da due donne di tale imponderabile levitas potevano scaturire.

Sergio Benoni è un giornalista ed esperto di musica e nuovi media. Pioniere della rete, ha fondato nel 1995 la prima webradio europea, Radio X. Ha creato e diretto portali internet e canali telematici per importanti operatori internazionali. È compositore e autore di colonne sonore. Nella sua attività di inviato ha realizzato interviste con personaggi quali Michail Gorbaciov, Madonna, Steve Jobs.

L'ingresso è libero e non è necessaria la prenotazione.

Sergio-Benoni-Daniela-Zedda
IMG-20221209-WA0020
DANIELA-ZEDDA-COVER
365648242102270169254021614603090645080151596n
IMG-20221209-WA0039-750x1000

 

Ulteriori informazioni

Aggiornamento:
24/05/2024, 14:45

Potrebbero interessarti