SA DOM'E FARRA RISPLENDE CON ALTRI TRE LABORATORI SULLE TRADIZIONI QUARTESI

Dopo il primo weekend di apertura, Sa Dom’e Farra raddoppia.

Data:
25 agosto 2022

Visualizzazioni:
279

Dopo il primo weekend di apertura, Sa Dom’e Farra raddoppia. Anni di chiusura non può di certo bastare una settimana per placare ‘la sete’ di cultura e l’interesse che l’antica dimora da sempre esercita suoi stessi concittadini e sui tanti visitatori che nel tempo hanno voluto scoprirla. Nei primi tre giorni di settembre ecco quindi un altro trittico di laboratori, tutti con inizio alle ore 19.30.

Ad aprirlo, giovedì 1 settembre sarà il Gruppo Su Idanu, in collaborazione con l'associazione Feminas, con il laboratorio  sartoriale sul costume sardo. Entrambi i sodalizi sono infatti specializzati negli abiti tradizionali e ogni anno organizzano la manifestazione ‘Così vestivano a Quartu - Aici bistianta in Quartu’. Nel caso specifico l’approfondimento si concentrerà sul metodo della camicia, che sarà spiegato dall’avvio al completamento, passo dopo passo.

L’Associazione Città di Quarto 1928 si fa invece promotore del laboratorio di venerdì 2 settembre, dedicato al ballo sardo. Possono partecipare all’iniziativa cittadini di qualunque età, ma uno degli obiettivi prioritari è quello di appassionare le nuove generazioni, infondere in loro quel senso identitario che il ballo sa esprimere e permettere così il protrarsi della tradizione.

L’ultimo appuntamento della settimana, sabato 3 settembre, è organizzato dal gruppo Su Scrignu de Campidanu, con la collaborazione di Boxis Campidanesas. In questo caso il è dedicato alla poesia campidanese. Sarà il bis dell’allenamento della prima settimana e si concentrerà quindi sulle tecniche utili a comporre con la dovuta tempestività le strofe in sardo. Quartu è da sempre uno dei Comuni dove la tecnica viene usata con maggior maestria, tanto da dare i natali a tanti compositori, apprezzati in tutta la Sardegna.

Le tre associazioni, che nell’occasione hanno composto la rete Città di Quarto, contribuiranno con questi loro appuntamenti alla riscoperta dell’antica casa campidanese, un vero gioiello etnografico da sempre molto apprezzato. Gli anni di chiusura non hanno scalfito il suo fascino e ora può finalmente risplendere in tutta la sua bellezza.

 

Locandina-Si-ghetat-custu-bandu---1-2-3--Settembre

Ulteriori informazioni

Aggiornamento:
25/08/2022, 09:51

Potrebbero interessarti