BENTORNATO A "SU SIDDINI" , DOLCE RINOMATO DELLA TRADIZIONE QUARTESE

Quartu recupera le sue antiche tradizioni dolciarie con un’originale iniziativa di “archeologia del gusto” promossa da artigiani locali in collaborazione con Laore ed incoraggiata dall’amministrazione comunale. Non soltanto gattò, pastissus, amaretti, ma anche “Su Siddini”, straordinario dolce povero a base di pane raffermo, sapa, bucce d’arancia e mandorle.

Data:
13 maggio 2022

Visualizzazioni:
552

Quartu recupera le sue antiche tradizioni dolciarie con un’originale iniziativa di “archeologia del gusto” promossa da artigiani locali in collaborazione con Laore ed incoraggiata dall’amministrazione comunale. Non soltanto gattò, pastissus, amaretti, ma anche “Su Siddini”, straordinario dolce povero a base di pane raffermo, sapa, bucce d’arancia e mandorle.

 

"Su Siddini" torna alla ribalta grazie alla passione tramandata dai vecchi maestri dolciari quartesi, primo fra tutti Luigi Sitzia che in un libro di quasi vent’anni fa aveva svelato i segreti dell'antico dolce e di molte altre ricette della tradizione. Una specialità riscoperta oggi da Annamaria Sarritzu, allieva di Sitzia, che nel suo laboratorio di via Francia porta avanti questa unicità gastronomica cittadina. Ora, anche grazie ad un progetto di ricerca dell'Agenzia Laore, la ricetta de “Su Siddini” si avvia verso un percorso di valorizzazione e di riconoscimento come tipicità locale.

“L’amministrazione Comunale sostiene e incoraggia le tradizioni quartesi legate all’antica cultura contadina della nostra città. E’ importante per l’identità e la valorizzazione del territorio“ ha spiegato l’Assessora delle attività produttive Rossana Perra nel corso di una mattinata divulgativa in laboratorio culminata con l’assaggio del tipico dolce. L’auspicio è che uno dei prodotti più antichi della tradizione sarda possa tornare ad essere presente nelle tavole dei quartesi e trovare uno sbocco importante anche nel mercato turistico, con la speranza che le antiche ricette originali vengano sempre più riscoperte e insegnate alle future generazioni.

 

WhatsApp-Image-2022-05-12-at-132207
WhatsApp-Image-2022-05-12-at-132208
WhatsApp-Image-2022-05-12-at-132206
WhatsApp-Image-2022-05-12-at-132209-1
WhatsApp-Image-2022-05-12-at-132207 WhatsApp-Image-2022-05-12-at-132208 WhatsApp-Image-2022-05-12-at-132206 WhatsApp-Image-2022-05-12-at-132209-1

Ulteriori informazioni

Aggiornamento:
16/05/2022, 10:42

Potrebbero interessarti