GLI STUDENTI DELLA SCUOLA DI VIA BEETHOVEN INCONTRANO MANU INVISIBLE

L’arte di strada come strumento per raccontare e comunicare. Manu Invisible è stato il protagonista dell’incontro organizzato a Quartu, nella scuola di via Beethoven, per permettere ai bambini di conoscere da vicino questo forma d’arte, apprendendo e dialogando direttamente da uno dei maggiori interpreti del genere.

Data:
1 dicembre 2021

Visualizzazioni:
1076

L’arte di strada come strumento per raccontare e comunicare. Manu Invisible è stato il protagonista dell’incontro organizzato a Quartu, nella scuola di via Beethoven, per permettere ai bambini di conoscere da vicino questo forma d’arte, apprendendo e dialogando direttamente da uno dei maggiori interpreti del genere.

Dopo lunghi mesi di restrizioni e chiusure dovute alla pandemia di Coronavirus, l’iniziativa è stata un’occasione importante per approfondire i temi dell’arte, ma nono solo. È stato infatti anche un modo per ‘aprire’ la scuola e la città tutta a un confronto con il mondo esterno e, nello specifico, con un ambiente particolare come quello della Street Art, della strada e della figura del writer e dei suoi valori etici.

L’appuntamento ha coinvolto le classi 3G e 3H della scuola di via Beethoven, facente parte dell’Istituto Comprensivo n. 4. I bambini hanno mostrato grande interesse e coinvolgimento, partecipando attivamente all’iniziativa con curiosità e domande rivolte al ‘misterioso’ artista, che non si è di certo tirato indietro. Oltre ai rispettivi insegnati, hanno partecipato la dirigente scolastica Cinzia Sciò, la Vicaria Paola Ortu, l’Assessora comunale alla Pubblica Istruzione Cinzia Carta e Caterina Giua, Presidente della Commissione Cultura.

L’incontro è stato il primo di una lunga serie prevista dal calendario che è stato stilato dalla scuola primaria guidata dalla dott.ssa Sciò e che prevede il coinvolgimento di associazioni, musei, artisti, storici dell’arte, restauratori, archeologi. L’obiettivo è quello di arricchire l’offerta formativa proponendo l’attività artistica come mezzo di comunicazione che raggiunge indistintamente, travolgendoli, bambini e adulti.

L’Assessora alla Pubblica Istruzione Cinzia Carta commenta molto positivamente l’iniziativa: “Abbiamo visto davvero tanta partecipazione nel seguire l’intervento dell’artista, a testimonianza del coinvolgimento dei bambini della Primaria. Manu Invisible ha spiegato le tecniche utilizzate, ha risposto alle domande più curiose dei bambini, ma soprattutto è stato in grado di interagire positivamente, con estrema empatia, un fattore determinante per suscitare il loro interesse. Ancora una volta le scuole di Quartu confermano grande professionalità e competenza nell’offerta formativa, grazie ai docenti che hanno lavorato fortemente per questo progetto artistico appena iniziato” ha concluso l’esponente della Giunta Milia.

Ulteriori informazioni

Aggiornamento:
01/12/2021, 15:59

Potrebbero interessarti