QUARTU, ALTRO FINE SETTIMANA DI CULTURA: TUTTI GLI APPUNTAMENTI

Ancora un fine settimana all'insegna della cultura per Quartu, tra concerti, cinema, teatro, presentazioni e conferenze, dal centro al litorale.

Data:
24 settembre 2021

Visualizzazioni:
977

Ancora un fine settimana all'insegna della cultura per Quartu, tra concerti, cinema, teatro, presentazioni e conferenze, dal centro al litorale.

Continua così il fitto calendario che ha intrattenuto le serate e le notti dei quartesi e non, richiamando infatti molto pubblico anche dall'esterno, così come era nelle intenzioni dell'Amministrazione comunale. Già in conferenza stampa infatti, il primo cittadino Graziano Milia aveva auspicato che la città potesse tornare ai vecchi fasti e riprendesse il suo ruolo centrale nel panorama culturale isolano. 

Oggi, sabato 25 settembre, nell'ambito della rassegna ‘Estate a Quartu – La luna sotto casa’, alle ore 21.30 in piazza Santa Maria è in programma il concerto dei Colonne sonore. È una proposta musicale formata da un quartetto di sassofoni (baritono, tenore, contralto e soprano), le quattro voci classiche e complementari della famiglia di questo straordinario ed espressivo strumento a fiato. Il nome della formazione prende spunto da un sottile gioco di parole, che associa la fisica degli strumenti, per l’appunto colonne metalliche che producono suoni, alla composizione del repertorio, formato da brani che hanno in qualche modo riferimenti alle colonne sonore di film, serie televisive, musical, spot pubblicitari e quant’altro possa essere a esse associato. Il raffinato repertorio, con arrangiamenti appositamente composti per questo tipo di formazione principalmente in stile swing e latino-americano propone, tra gli altri, i successi delle big band americane degli anni ’40 e ’50 dirette da Benny Goodman a Glenn Miller, passando per le morbide atmosfere dello swing di Frank Sinatra.

Alle 18, nel chiostro dell'ex Convento dei Cappuccini, ultimo appuntamento di Sciampitta, con la presentazione del testo 'Accabadora. Mito e realtà', di Aldo Cinus, Roberto Demontis, Augusto Marini e Mariano Staffa. Il libro sottolinea l’esistenza nella storia sarda di una reale tradizione di facilitazione del trapasso. Per oltre venticinque secoli si è infatti favoleggiato sull’esistenza di particolari figure che agevolavano la morte, non per cattiveria o per trarne qualche vantaggio, ma solo per misericordiosa pietà, al fine di abbreviare la sofferenza peri-mortale. Modera la giornalista Egidiangela Sechi.

In piazza IV Novembre spazio al cinema. L'associazione culturale Eida centro studi onlus organizza, nell'ambito della rassegna 'Quartu Ripresa 2021', finanziata dal Comune di Quartu', la proiezione del film Billy Elliot, la storia di un giovane di 11 anni pronto a tutto pur di diventare ballerino classico. Il biglietto è gratuito e l'assegnazione dei posti avrà inizio alle ore 19. Nell'occasione verrà anche offerto un aperitivo con accompagnamento musicale.

Non si fermano gli eventi neanche sul litorale, al Nuraghe Diana, nell'ambito della rassegna 'Incanti'. Alle 18, in occasione del settimo centenario della morte di Dante Alighieri (1321-2021), Alessandro Anderloni e Mauro Palmas presentano un nuovo progetto di teatro-musica, intitolato 'Il Divino cammino', e accompagnano gli spettatori in un percorso fisico, poetico e musicale lungo le tre cantiche della Divina Commedia, con la dizione di tre canti accompagnata da musiche originali. Dalla bolgia dei consiglieri fraudolenti, dove nella fiamma biforcuta la voce di Ulisse narra il suo ultimo “folle volo” (Inferno XXVI) alla spiaggia del Purgatorio con l'incontro di Dante con il musico e l’amico Casella (Purgatorio II), fino alla candida rosa, nel dilagare della luce dell'Empireo (Paradiso XXX). Lo spettacolo si sviluppa in tre tappe; la narrazione di Alessandro Anderloni intreccia le notizie e gli aneddoti sulla vita di Dante Alighieri, la fascinazione per la sua Commedia fino alla dizione a memoria dei tre canti, accompagnata dagli interventi musicali di Mauro Palmas, con musiche composte per lo spettacolo. Un’esperienza in cui la parola e la musica scandiscono un cammino fisico e spirituale e che restituiscono quello «shock d’intensità poetica» che descrive Thomas Eliot di fronte al più grande poema mai scritto.

Alle 19 poi spazio alla conferenza 'Il nuraghe Diana e l'architettura nuragica', alla presenza dell'archeologa Gianfranca Salis. Domenica 26 settembre, sempre alle 19, altro approfondimento culturale con l'argheologo Alfonso Stiglitz, già direttore degli scavi di S'Urachi a San Vero Milis e sulla Sella del Diavolo a Cagliari, con la conferenza 'Archeologie degli incontri: nuragici e fenici'. Dalle 18 visite all'edificio megalitico con Patrizia Zuncheddu; a fine serata invece apericena con degustazione di vini locali.

Ulteriori informazioni

Aggiornamento:
25/09/2021, 16:12

Potrebbero interessarti