ISPETTORI AMBIENTALI, PARTE LA FORMAZIONE PER LA TUTELA DEL TERRITORIO

La salvaguardia della difesa del suolo, del paesaggio e dell’ambiente grazie a un’efficace opera di prevenzione, vigilanza e controllo circa il corretto conferimento e lo smaltimento dei rifiuti. Con questi obiettivi Quartu è pronta a schierare una squadra di Ispettori ambientali, che lunedì 18 marzo p.v., presso l'Ex Convento dei Cappuccini, inizieranno il corso formativo.

Data:
14 marzo 2024

Visualizzazioni:
1053

La salvaguardia della difesa del suolo, del paesaggio e dell’ambiente grazie a un’efficace opera di prevenzione, vigilanza e controllo circa il corretto conferimento e lo smaltimento dei rifiuti. Con questi obiettivi Quartu è pronta a schierare una squadra di Ispettori ambientali, che lunedì 18 marzo p.v., presso l'Ex Convento dei Cappuccini, inizieranno il corso formativo.

L’Ispettore ambientale volontario svolgerà attività di sensibilizzazione e informazione a favore dei cittadini sulle corrette pratiche da seguire nella gestione dei rifiuti e sulla loro corretta differenziazione, per concorrere quindi alla difesa del suolo e del paesaggio, alla tutela dell’ambiente e del decoro cittadino.

Inoltre i nuovi ‘tutori dell’ambiente’ effettueranno attività di supporto alla prevenzione e al controllo dei comportamenti contrastanti con la normativa di settore e con le disposizioni specifiche adottate dall'Amministrazione comunale, collaborando con l’Assessorato all’Ambiente e con gli agenti del Nucleo di Vigilanza Ambientale, deputati all'accertamento, alla contestazione delle violazioni e all’applicazione delle relative sanzioni. Gli Ispettori infatti non potranno sanzionare in prima persona né svolgere altre funzioni attribuite per legge agli agenti di Polizia Giudiziaria.

Complessivamente sono 16 gli ispettori pronti a mettersi a disposizione della cittadinanza per la tutela del nostro territorio: alcuni dipendenti comunali, altri nominati da De Vizia, la società che cura l’igiene urbana in città, e anche diversi cittadini volontari. Una discesa in campo necessaria per dare a Quartu la giusta dignità dal punto di vista ambientale, e diventi così vetrina foriera di vantaggi anche per quanto riguarda il turismo.

Dal 18 marzo i futuri ispettori parteciperanno al corso di formazione, che si terrà presso l’Ex Convento dei Cappuccini e avrà una durata complessiva di 40 ore. Le lezioni avranno una durata singola di 3 ore e si terranno nelle giornate di lunedì e mercoledì. Il percorso si concluderà a inizio maggio con una prova finale per la verifica dell’apprendimento.

Una volta superato l'esame, sarà il Sindaco a completare l’iter con un decreto di nomina per la relativa iscrizione nel registro degli ispettori volontari comunali. Questi ultimi saranno conseguentemente dotati di apposito vestiario, con un giubbino sulla quale campeggerà la scritta ‘ispettore ambientale’ accompagnato dai loghi del Comune e di De Vizia; avranno anche un tesserino di riconoscimento rilasciato dall’Ente.

Vorrei innanzitutto ringraziare la Commissione Ambiente per il lavoro svolto affinché potessimo concretizzare questo obiettivo. Con queste nuove figure, infatti, stiamo incrementando la capacità dell'Amministrazione comunale in ottica ambientale - commenta il ViceSindaco e Assessore all’Ambiente Tore Sanna -. Innanzitutto possiamo avviare una più puntuale opera di sensibilizzazione, affinché sempre più cittadini, anche i più ‘distratti’, prendano atto di quanto sia necessario, oltre che bello, avere un territorio in ordine. Il principale compito degli ispettori volontari sarà infatti appunto quello di informare gli utenti sulle regole da rispettare. Inoltre non mancherà il loro supporto agli organi competenti, tramite le necessarie segnalazioni volte a fermare l’errata differenziata e l’ancor più selvaggio ed esecrabile fenomeno dell’abbandono dei rifiuti”.

Ulteriori informazioni

Aggiornamento:
14/03/2024, 13:03

Potrebbero interessarti