PER IL WEEKEND DI 'INCANTI' LETTERATURA AL NURAGHE E MUSICA ALLA VILLA ROMANA

Tris di appuntamenti nel prossimo fine settimana per la rassegna “Incanti”, organizzata dalla DD-events con la direzione artistica e scientifica dell’archeologa Patrizia Zuncheddu.

Data:
20 settembre 2023

Visualizzazioni:
930

Tris di appuntamenti nel prossimo fine settimana per la rassegna “Incanti”, organizzata dalla DD-events con la direzione artistica e scientifica dell’archeologa Patrizia Zuncheddu. L’iniziativa, promossa e finanziata dall’Amministrazione comunale e dalla Fondazione Banco di Sardegna, col patrocinio della Soprintendenza Archeologica di Cagliari, prevede infatti un doppio appuntamento al Nuraghe Diana dedicato alla letteratura e un’iniziativa musicale alla Villa Romana. Come sempre non mancheranno le visite guidate per scoprire i segreti dei due siti archeologici.

Si parte venerdì alle 19.30 con un evento dedicato agli amanti dei libri e della letteratura. Non uno ma addirittura due i testi presentati nell’occasione, entrambi edizioni Spanu. Ad aprire la serata saranno Enrico Spanu e Lello Caravano, che approfondiranno la loro opera ‘Attaccati alle radici, volume 2’, con prefazione di Paolo Fresu. L’opera nasce dal desiderio di continuare a raccontare, attraverso le immagini e le parole, storie e suggestioni di importanti e rappresentativi alberi della Sardegna che non hanno trovato spazio nel primo volume. Monumenti verdi spesso ultra secolari e millenari che hanno sostentato e dato riparo all’uomo nei secoli.

Enrico Spanu è fotografo professionista da trent’anni. Reporter freelance, collabora con diverse agenzie nazionali ed estere, con reportage pubblicati da importanti magazine italiani ed esteri. È autore di oltre 10 libri fotografici sull’Isola e come editore ha all’attivo vent’anni di produzioni dedicate alla Sardegna attraverso libri, guide, mappe e calendari. Dal 2014 tutta la produzione di stampa della sua casa editrice è ecosostenibile. Lello Caravano, autore dei testi, è un giornalista professionista. Ha lavorato per oltre trent’anni al quotidiano L’Unione Sarda. Si occupa, tra l’altro, di temi legati all’ambiente, all’archeologia, al turismo, alle tradizioni popolari. Nel 2012 ha dedicato un libro-reportage alla spiaggia del Poetto, riguardo il disastroso ripascimento del 2002, conquistando il Premio letterario Fernando Pilia per la saggistica. Collabora da oltre vent’anni con il mensile ‘Bell’Italia’.

A seguire spazio alla presentazione del libro ‘La Sardegna svelata’, di Aldo Brigaglia. L’autore ha lavorato a Milano come vice-direttore marketing della società francese Spad e come copywriter per l’agenzia Marka. Dal 1965 al 1984 ha diretto l’ufficio stampa del Centro Regionale di Programmazione. Ha scritto per quotidiani e riviste regionali e nazionali. Fondatore e direttore creativo dell’agenzia Tema, ha ideato strategie e azioni di comunicazione per enti pubblici e aziende private, ottenendo prestigiosi riconoscimenti nazionali, come il Premio Agorà e il TP Award.

 Il libro raccoglie un centinaio di articoli scritti dal giornalista tra il 1998 e il 2020 per riviste sarde e nazionali. I luoghi e le storie, i misteri e i colori, i saperi e i tesori, i sapori e i piaceri, gli uomini e le donne sono indagati e raccontati nelle loro infinite sfumature. Ne emerge una terra dai mille volti, una mille e una Sardegna che riserva a ogni pagina una sorpresa inattesa e un’emozione nuova. La prefazione è curata dal direttore di Bell'Italia Emanuela Rosa-Clot.

Anche l’iniziativa di sabato 23 sarà dedicata alla letteratura. Stesso orario e stessa location per il libro di Rossana CopezBenedetta Judikissa di Càlari’, con prologo a cura di Monica Zuncheddu. Benedetta, nata nel 1194 a Santa Igia e componente della famiglia dei marchesi Obertenghi di Massa, è stata la prima donna Judikissa del Giudicato di Cagliari e della storia della Sardegna. Sua madre era Adelasia, figlia del marchese Moroello Malaspina, e suo padre era Guglielmo, marchese di Massa e giudice cagliaritano, i primi ‘signori’ continentali, che di fatto e di diritto si impossessarono di un giudicato sardo. “Re in Sardegna e cittadini a Pisa” li definì il poeta Giosuè Carducci.

Rossana Copez, cagliaritana e innamorata della sua città, è laureata in Filosofia, Specializzata in Studi Sardi, e ha insegnato Italiano e Storia negli istituti superiori. Ha scritto con Sergio Atzeni ‘Fiabe sarde’ e con Tonino Oppes ‘Tutti buoni arriva Mommotti’. Ha inoltre pubblicato i romanzi ‘Si chiama Violante’, ‘Terra mala’ scritto con Giovanni Follesa, compagno di lavoro anche nella cura del volume ‘Cent’anni fa arrivò Lawrence’, e ‘Cercando cieli’.

Ultimo appuntamento della settimana domenica nell’altro sito archeologico del litorale quartese: la Villa Romana. Alle 19.30 spazio al concerto ‘Suggestioni musicali’, con Juri Deidda al sassofono. L’esperienza ormai quasi trentennale del musicista, che ha collaborato con tantissimi artisti, attori e registi del panorama sardo, nonché partecipato ai festival ‘Jazz Seui in musica’,  ‘Isola delle storie’ e ‘Culture Festival’, creerà un’atmosfera suggestiva, completata dall’incanto di un luogo storico qual è l’antica dimora di Sant’Andrea.

Tutti e tre gli spettacoli del weekend saranno preceduti dalle visite guidate dell’archeologa e direttrice artistica della rassegna Patrizia Zuncheddu. Sia il Nuraghe Diana, venerdì e sabato, che la Villa Romana, domenica, saranno quindi visitabili gratuitamente nella fascia oraria compresa tra le 18.00 e le 19.15.

 

Locandina-Incanti-220923
Locandina-Incanti-230923
Locandina-Incanti-240923

Ulteriori informazioni

Aggiornamento:
20/09/2023, 12:33

Potrebbero interessarti