GIORNATA FOCUS ROMANICO, TANTI TURISTI ALLA SCOPERTA DEL PATRIMONIO QUARTESE

Un successo per il numero di partecipanti, nonostante la bella domenica di sole, e per l’interesse suscitato tra i giovanissimi. La giornata di Focus sul Romanico, tenutasi ieri a Quartu, ha confermato la crescente attenzione per il patrimonio storico-artistico che ci circonda, che si inserisce nell’ambito di un fermento culturale che ha ormai preso piede in città.

Data:
12 giugno 2023

Visualizzazioni:
955

Un successo per il numero di partecipanti, nonostante la bella domenica di sole, e per l’interesse suscitato tra i giovanissimi. La giornata di Focus sul Romanico, tenutasi ieri a Quartu, ha confermato la crescente attenzione per il patrimonio storico-artistico che ci circonda, che si inserisce nell’ambito di un fermento culturale che ha ormai preso piede in città.

L’evento ‘Focus Romanico - Giornata di valorizzazione e studio sulle chiese romaniche di Quartu’, voluto dall'Amministrazione e organizzato in collaborazione con l'Associazione Turistica di Quartu Sant'Elena e la Fondazione Sardegna Isola del Romanico, di cui il Comune di Quartu fa parte insieme ad altre 88 Comuni dell'Isola, ha visto la partecipazione di oltre 500 persone, che tra la mattina e la sera hanno avuto modo di scoprire cinque perle, cinque antichissimi edifici religiosi distribuiti tra la città compatta e i territori extraurbani quartesi.

Inizialmente programmata per fine maggio, ma poi rinviata a casa della pioggia, l’iniziativa ha permesso l'apertura, per l'intera giornata, delle chiese di Sant’Agata, San Benedetto, San Forzorio – raggiungibile anche grazie al Bus Navetta messo a disposizione dall’organizzazione, con partenza dal parcheggio del Cimitero comunale -, San Pietro di Ponte, Santa Maria di Cepola. L’Università di Cagliari, grazie alla preziosa collaborazione della professoressa Martorelli, ha garantito la partecipazione di tre archeologici, che hanno tenuto le visite guidate in tutti i siti aperti per l’occasione, dividendosi tra la mattina e la sera.

È stata un'occasione importante per tutelare e mettere in rilievo il patrimonio Romanico della Sardegna, riconnettendolo al grande itinerario del Romanico europeo. Avere ben 5 chiese romaniche all’interno del proprio territorio significa infatti recitare un ruolo rilevante nel contesto isolano, che  include nel complesso circa 150 monumenti sparsi in tutte le aree dell'Isola.

Accanto alle chiese romaniche i visitatori hanno potuto riscoprire anche il fascino dell’Ex Convento dei Cappuccini, che nell’occasione ha interpretato anche il ruolo di punto di ritrovo, dove ritirare la cartina della città con i punti di interesse e l’apposita descrizione. Così come non è mancata l’occasione per visitare Sa Dom’e Farra, aperta eccezionalmente sotto richiesta dei partecipanti aderenti alla rete “Amici del Romanico”.

“Tanti turisti in città per scoprire il fascino di questi antichi edifici religiosi, ma anche tanti quartesi che non avevano mai avuto modo di visitarle, soprattutto giovani” il commento della Consigliera comunale Anna Maria Demurtas. È la conferma della necessità di studiare e favorire nuove  interventi di potenziamento e sviluppo del territorio, nonché di rafforzamento delle capacità attrattive, anche nell’ottica di un consolidamento dei valori identitari.

Per tutti questi motivi Quartu intende partecipare anche alla Giornata del Romanico calendarizzata a livello nazionale nel mese di settembre. In collaborazione con la Fondazione Isola del Romanico è allo studio anche la programmazione di un convegno sul tema.

Ulteriori informazioni

Aggiornamento:
12/06/2023, 14:33

Potrebbero interessarti