Borsa di studio Nazionale

Contributo economico utile per garantire il diritto all’istruzione e allo studio.

Data:
21 febbraio 2022

Visualizzazioni:
8998

Contributo economico utile per garantire il diritto all’istruzione e allo studio.

Cos'è

Il voucher “io studio”, altrimenti conosciuto come “borsa di studio nazionale” o Borsa di studio "Fondo unico per il Diritto allo Studio" è una iniziativa del Ministero dell'Istruzione per il contrasto alla dispersione scolastica e il potenziamento del Diritto allo Studio, dedicata agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado con reddito basso. 

La Regione Sardegna nell’attuazione del Decreto del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, che annualmente stabilisce i criteri e le modalità per l’erogazione delle borse di studio, delega l’attivazione e la gestione delle borse di studio nazionali agli Enti Locali.

A chi si rivolge

Destinatari del servizio:

Studenti iscritti in una scuola secondaria di secondo grado del sistema nazionale di istruzione (scuole statali e paritarie) residenti a Quartu Sant’Elena e appartenenti a famiglie il cui Indicatore della Situazione Economica Equivalente (I.S.E.E.) rientri nella soglia di 14.650,00 euro.

Gli studenti iscritti ad un istituto scolastico di Quartu Sant’Elena non essendo residenti, per accedere alla borsa di studio, possono presentare la domanda al proprio Comune di residenza.

Accedere al servizio

Come si fa:

Con le modalità indicate nell’avviso predisposto annualmente dal Comune è possibile inoltrare domanda allegando:

-fotocopia dell’attestazione dell’ISEE in corso di validità rilasciata ai sensi della normativa prevista dal DPCM n.159/2013;
-fotocopia del documento di riconoscimento del richiedente in corso di validità.

La domanda può essere presentata dal genitore, dal rappresentante legale dello studente o dallo stesso studente se maggiorenne.

Al seguente link è disponibile la pagina per presentare la domanda:

Domanda Online

Cosa si ottiene: Il Comune trasmetterà l’elenco degli studenti ammissibili alla Regione Sardegna, la quale stilerà una graduatoria unica regionale, redatta in ordine crescente di ISEE, riconoscendo, in caso di parità di ISEE, la precedenza allo studente più giovane d’età. L’elenco degli studenti posizionati utilmente nella graduatoria, ossia i beneficiari della borsa, sarà trasmesso al Ministero dell’Istruzione. L’erogazione delle borse in favore degli studenti beneficiari avverrà mediante bonifico domiciliato nei termini che saranno stabiliti dal Ministero dell’Istruzione. L’importo di ciascuna borsa di studio è determinato annualmente con Decreto del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Modalità di autenticazione al servizio: Accesso libero

Contatti

Uffici a cui rivolgersi:

Personale Amministrativo:

Norma Bianca Murgia

Area di riferimento:

Cosa serve

Rimborsare le spese sotenute per l'istruzione scolastica obbligatoria.

Ulteriori informazioni

Modalità di riscossione delle Borse di studio per gli studenti minorenni

Per gli studenti beneficiari minorenni è necessario che un genitore che esercita la responsabilità genitoriale o chi ne fa le veci, si rechi in Ufficio Postale munito di:

  • dell'originale del proprio documento di identità in corso di validità, ciò per l'identificazione;
  • dell'originale del proprio codice fiscale;
  • dell'originale del documento di identità in corso di validità dello studente beneficiario della borsa di studio;
  • dell'originale del codice fiscale dello studente beneficiario della borsa di studio;
  • copia compilata della dichiarazione sostitutiva (scaricabile dal sito del Ministero dell’Istruzione: https://iostudio.pubblica.istruzione.it/web/guest/voucher) da firmare esclusivamente davanti all'operatore dell'ufficio postale.

La dichiarazione sostitutiva è necessaria per auto-dichiarare l'idoneità ad esercitare l'atto di riscossione della borsa di studio in qualità di soggetto esercente la responsabilità genitoriale.

Modalità di riscossione delle Borse di studio per gli studenti maggiorenni

Per gli studenti beneficiari maggiorenni, è sufficiente che il beneficiario si presenti in un qualsiasi Ufficio Postale munito di documento d'identità in corso di validità e del proprio codice fiscale, comunicando all'operatore di sportello di dovere incassare una borsa di studio erogata dal Ministero dell'Istruzione attraverso un "Bonifico domiciliato". Non sono ammesse deleghe ad altri soggetti per la riscossione del contributo economico.

Ulteriori informazioni

Aggiornamento:
26/01/2024, 08:47

Potrebbero interessarti